Subscribe via RSS

Fraîcheur de myrtilles au citron

E stavolta non scrivo nulla…perché se masticate un po’ di francese, quella che leggete lì è la quintessenza, in parole, della bontà di questo dolce. Ah si, anzi, una cosa l’aggiungo, profuma di sole. Meraviglia!

Una ricetta tratta da : Plaisirs sucrés – Pierre Hermé, Hachette

Fraîcheur de myrtilles au citron

Per 4 persone
600 g di mirtilli
550 g di zucchero semolato
il succo di un limone non trattato
pepe nero
un pizzico di cardamomo in polvere
10 g di vergeoise o, in alternativa, mascobado o un cassonade
Per la crema
80 ml di succo di limone
2 uova
lo zeste di un limone + 1/2
110 g di zucchero
150 g di burro
Lavate i mirtilli e tamponateli accuratamente.
In una casseruola versate 1 lt d’acqua, unite lo zucchero, il succo di limone, due giri di pepe di mulinello e il cardamomo.
Portate il composto a ebollizione e immergetevi i mirtilli per due minuti appena, quindi, versateli in uno chinois in modo da far sgocciolare il tutto.
Distribuite i mirtilli in 4 fondine e mettete in freezer per due ore.
Nel frattempo, tritate fine lo zeste del limone e unitelo allo zucchero. Unite qui il succo di limone e le uova.
Mescolate tutto e mettete in un contenitore adatto alla cottura a bagnomaria.
Lasciate ispessire mescolando di tanto in tanto.
Quando si sarà rappreso, togliete dal bagnomaria e versate la crema in una ciotola pulita. Qui incorporate il burro poco a poco emulsionando con il mixer a immersione.
Prendete le ciotole con i mirtilli, se questi avranno tirato fuori altro liquido, abbiate l’accortezza di colare l’eccesso.
Ricoprite con la crema ciascuna porzione e mettete in frigorifero per 3 o 4 ore.
Il consiglio goloso dello chef è quello di spolverare sopra del vergeoise o dello zucchero di canna e far caramellare col cannello, appena prima di servire.
Potete servire questo dolce con delle tranche di brioches al profumo di cannella, che potete grigliare al forno a 250°C per qualche minuto.

Seppioline una tira l’altra

Seppioline impanate povere di grassi e ricche di omega 3.

Preparazione:

far marinare le seppioline con succo di limone, aglio, olio e sale.
Amalgamare origano, pan grattato e peperoncino.
Impanare le seppie e adagiarle su una teglia e bagnarle con un filo d’olio.
Cuocere in forno ventilato a 200° per circa 15- 20 minuti.
Accompagnarle con un’insalata di soncino.

Fricassea di Coniglio

Un secondo a base di carne di coniglio che si arricchisce di sapore con una salsa di uovo e succo di limone, che intenerisce la carne e ldà un aspetto molto gustoso al piatto.Ecco la ricetta del Coniglio in Fricassea.

Puntata I Menu di Benedetta: 28 Marzo 2012 (Menu Pranzo all’Aperto)
Tempo preparazione e cottura: 45 min ca.

Ingredienti Coniglio in Fricassea per 4 persone:

  • 1 coniglio 
  • olio 
  • 2 spicchi d’aglio 
  • rosmarino qb 
  • sale 
  • pepe 
  • 1 bicchiere di vino bianco 
  • 2 uova
  •  il succo di 1 limone 
  • prezzemolo qb

Procedimento ricetta Coniglio in Fricassea di Benedetta Parodi

  1. Rosolare il coniglio in padella con un pò di olio.
  2. Aggiungere aglio, rosmarino, sale e pepe.
  3. Sfumare con il vino bianco.
  4. Far cuocere per 35 minuti circa, coperto.
  5. In una ciotola a parte unire alle uova il succo di limone.
  6. Togliere il tegame del coniglio dal fuoco e versarci la salsa all’uovo.
  7. Mescolare bene, sempre fuori dalla fiamma.
  8. Impiattare e completare con un pò di prezzemolo.