Tag: cottura

Risotto Gamberi e Creste di Gallo

Benedetta Parodi, in compagnia di uno degli autori del programma, propone nella puntata di questa sera un risotto ai gamberi davvero insolito: oltre ai prelibati crostacei infatti questo primo è preparato anche utilizzando le creste di gallo.

Puntata I Menu di Benedetta: 22 Maggio 2012 (Menu per Molti ma non per Tutti)
Tempo preparazione e cottura: 60 min ca.

Ingredienti Risotto ai Gamberi e Creste di Gallo per 4 persone:

  • 2 creste di gallo 
  • 1-2 scalogni
  • burro qb 
  • vino bianco qb
  • acqua qb 
  • dado granulare qb 
  • 10 gamberi
  • olio 
  • vino bianco qb 
  • acqua fredda qb 
  • sedano, cipolla e carote qb
  • 2 pomodori 
  • 2 scalogni 
  • olio 
  • burro qb 
  • 250 gr di riso
  • vino bianco qb
  • fumetto di pesce qb
  • sale

Procedimento ricetta Risotto ai Gamberi e Creste di Gallo di Benedetta Parodi

  1. Affettare le creste di gallo e lo scalogno e rosolare tutto in padella con burro.
  2. Sfumare con vino e acqua con dado granulare, poi cuocere coperto per circa 30 minuti.
  3. Nel frattempo pulire i gamberi e rosolare in un pentolino le teste e i carapaci con un filo d’olio, schiacciandoli un po’.
  4. Sfumare con vino bianco, poi unire acqua fredda, pomodori, sedano, carota e cipolla interi. Cuocere coperto.
  5. Tritare i due scalogni per il risotto e rosolarli nel tegame con olio e burro.
  6. Aggiungere il riso e farlo tostare bene, poi sfumarlo con il vino e portarlo a cottura con il fumetto, aggiungendolo man mano che si asciuga.
  7. Salare il risotto e aggiungere i gamberi tagliati a metà.
  8. Unire anche le creste di gallo e mantecare velocemente.

Risotto alle nocciole

Ci sono, non sono sparita, solo che ho poco tempo, mi sto imbarcando in una nuova esperienza, oltre al mio lavoro sto aprendo uno studio tutto mio che ovviamente pubblicizzerò appena sistemerò le cose! Per il resto Pillo è tornato un mese fa da Londra e ha cominciato subito il nuovo lavoro, quindi il poco tempo libero che abbiamo lo passiamo insieme ovviamente, perchè dopo tre mesi è ovvio che ci dedichiamo più tempo!


Ovviamente ho deciso di postare il risotto di nocciole, questo piatto lo avevo fatto quest’inverno, dato che avevo un pò di nocciole da fare fuori, la ricetta si divide nella preparazione del pesto di nocciole e un altro nella preparazione del risotto

Per una porzione di pesto di nocciole mettete 5 cucchiai di nocciole, 1 cucchiaio di grana grattuggiato, 1 cucchiaio di pan grattato, un cucchiaio di olio e uno di latte, frullate prima le nocciole e poi inserite gli altri ingredienti e date una frullata.

per il risotto, io ho usato al posto del dado, una specie di ristretto di arrosto che avevo preparato, frullato e congelato qualche tempo prima che conteneva già la cipolla, così che ho solo scongelato questo dado e ho aggiunto il riso per tostarlo. Dopo la tostatura cominciamo ad aggiungere l’acqua calda e assaggiare di sale, perchè la quantità dipende da come avete fatto il dado, dopo 7 minuti, quindi a metà cottura, mettete il pesto di nocciole e continuate la cottura, all’ultimo minuto, mette una cucchiaio di philadenphia e servite con un pò di nocciole tostate sopra, e assaggiate, vi assicuro che ne resterete entusiasti, io poi ho aggiunto una spolverata di grana!! buonissimo!

Carne alla Valdostana

Per chi non la conoscesse la carne alla valdostana è una ricetta facilissima che consiste nella cottura delle fettine di vitello farcite con prosciutto e formaggio. Qui sotto vediamo come l’ha proposta Benedetta Parodi in questa puntata dei suoi Menu.

Puntata I Menu di Benedetta: 19 Marzo 2012 (Menu Ultimi Freddi)
Tempo preparazione e cottura: 15 min. ca.

Ingredienti Carne alla Valdostana per 4 persone:

  • 4 fette di fesa di vitello
  • farina qb
  • olio 
  • burro qb 
  • sale 
  • prosciutto cotto qb 
  • sottilette di fontina qb
  • salvia qb

Procedimento ricetta Carne alla Valdostana di Benedetta Parodi

  1. Infarinare leggermente le scaloppine, rosolarle con olio e burro e salarle.
  2. Appena girate sul secondo lato, farcirle con prosciutto cotto e formaggio.
  3. Aggiungere un po di salvia e chiudere col coperchio, poi completare la cottura a fuoco basso.

Proudly powered by WordPress