Categoria: Ricette Varie di Cucina

Peanut Butter cookies and WATH YOU LOVE

Devo dire che fotografare biscotti mi dà sempre una grande soddisfazione….

Sono fotogenici, si lasciano riprendere da ogni punto di vista e danno l’idea, alle amiche che li vogliono preparare, di come dovrebbero venire nel caso la ricetta interessi ….

Ma la ricetta di questi cookies, tipicamente americani e  versioni simili se ne possono reperire  parecchie nel web, non la troverete qui  ma all’interno di un blog molto interessante e soprattutto goloso…What You Love, sito che tratta di viaggi e delle passioni che li muovono (musica, cinema, style, food,etc.)

Devo ringraziare la gentile Elisa Nicastro che mi ha contattata e che con pazienza mi ha guidata nella stesura del post e nella sua pubblicazione nella sezione Guest blog e lo troverete qui 

Care amiche, se sarete così buone   da dedicarmi un po’ del vostro tempo, nel sito sopraindicato potrete anche trovare un po’ della storia della mia famiglia  che mi lega agli U.S.A..

A presto allora!!!



L’eroica Marmellata di castagne di Mammazan

L’uomo è dove è il suo cuore…..


Non dov’è il suo corpo….

Mahatma Gandhi ( 1869-1948)


Molto volentieri ripubblico questa ricetta anche perché penso possa rappresentare un ottimo regalo per Natale…..
Infatti io oltre a biscotti ed altro,  aggiungo nel cesto che preparo per gli amici più cari,  qualche barattolo di questa marmellata molto particolare e eroica come accenno nel titolo del post ed ora le mie amiche scopriranno anche perché…..
Una parte dell’eroismo è sparito in quanto  le castagne in questione mi sono state regalate con il fine ultimo di avere un ritorno in barattolo a tempo debito…ahhhhh gli amici interessati!!!
Quindi non sono andate a raccoglierle nel bosco dietro casa mia, non mi sono punta con i ricci che a volte penetro anche nelle scarpe specie se non calzo gli scarponcini che mi servono anche per far fuoriuscire le castagne dal riccio e via dicendo…
Mi rimane solo il callo da un anno all’altro causato dal coltellino che uso per pelarle….
Tempo di preparazione: 40′ per la cottura in pentola a pressione; 1 ora per pelarne 1 kg ( ameno che non si riesca ad essere più veloci) e circa 20 per la cottura della marmellata
Costo: quasi zero se regalano le castagne altrimenti è abbastanza cara
Difficoltà:*
INGREDIENTI

1 kg di castagne , peso netto
600 gr di zucchero semolato

Di solito, quando raccolgo io le castagne le tengo a bagno in una grande bacinella per un paio di giorni, cambiando l’acqua una volta al dì…
Comunque è sempre meglio dare loro una lavata prima di cuocerle…
Vanno quindi cotte in pentola a pressione, ricoperte da acqua fredda, senza praticare alcuna incisione per circa 40′ dal sibilo….
Prelevarne un piccolo quantitativo per volta, lasciando le altre nella loro acqua di cottura e sbucciarle mentre sono ancora calde…..
Sistemarle, via via che sono pelate in una capace scodella (  quelle che rimangono intere di solito le metto in barattolo e le ricopro di liquore Amaretto…altro regalo che si può fare)
Quando la pelatura delle castagne è terminata e l’aureola lampeggia sulla testa pesare, le castagne e unire 600 gr di zucchero per kilo di frutto pulito… 
Mescolare per bene e porre in frigo o luogo fresco per una notte……
Passato questo tempo le castagne & zucchero appaiono così…..
Ora trasferire il tutto in una pentola dal fondo spesso e cuocere fino a quando lo zucchero è stato completamente assorbito e la marmellata ha la consistenza che appare nella foto di inizio post….
Occorrono circa 20′-30′
Imbarattolare come di consueto usando un cucchiaio e sbattendo il barattolo sul piano di lavoro su cui si è posizionato  uno strofinaccio , per far assestare il tutto….
Di solito io riciclo i barattoli usati  ma è opportuno usare coperchi nuovi….

Coprire i barattoli con un plaid  fino a completo raffreddamento e quindi infiocchettarli e regalarli oppure, cosa che farò io, mescolare la marmellata con panna montate per preparare una Charlotte…ma questa è un’altra storia!!

Sformatini di verze alla vercellese

Quando tutti i giorni diventano uguali è perchè non ci si accorge più delle cose belle…

Che accadono nella vita ogni qualvolta il sole attraversa il cielo…
Paulo Coelho (1947)

Non a tutti piacciono le verze e altre verdure invernali che invece sono raccomandate dai nutrizionisti per il loro importante apporto alla nostra dieta…
Vitamine e fibre a profusione ideali per combattere i mali di stagione..
Ideali sono quindi i piatti a base di cavolo bianco, verza, broccoli, zucca, radicchio, carote ecc.
E se alcune di queste verdure non sono gradite basta mascherarle come ho fatto io preparando questi sformatini in cui il mix di ingredienti le ha rese appetibili..
La porzionatura di questi sformatini, anche in versione mignon, li rende adatti  come antipasto…o volo troppo con la fantasia???
State a vedere!!!

Tempo di preparazione: circa 20′
Costo Basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI

200 gr di verza pronta in busta Ortoromi
2 cipollotti
100 gr di riso 
40 gr di pinoli
2 uova
100 gr di carote
2-3 cucchiai di olio
1 ricciolo di burro
1 ciuffetto di prezzemolo
100 gr di ricotta
2 cucchiai di parmigiano
sale e pepe

Per sveltire le fasi di esecuzione suggerisco di cuocere a vapore in pentola a pressione le verze e la carote: 3′-4′ a partire dal sibilo….
Trasferire quindi le verdure tritate in una padella antiaderente e farle insaporire con olio e burro…

Trasferire il tutto in una capace scodella e unire il prezzemolo tritato, il parmigiano, i pinoli, il riso lessato in precedenza per circa 15′ ( si può eventualmente anche del riso avanzato)…

E i cipollotti tritati…..
Mescolare con cura…

In un’altra scodellina sbattere le uova e mescolarle con la ricotta….

Aggiungere il mix uova e ricotta alle verdure e mescolare ancora….

 Per la cottura in forno ho usato uno stampo per muffin: si possono colmare i vani fino al bordo…
Eventualmente si possono usare i pirottini in alluminio usa e getta ( previamente imburrati e cosparsi di pan grattato)…

Porre su ogni porzione due-tre cubetti di formaggio a pasta semidura ( fontina, fontal o quello che si ha in frigo)….

Infornare in forno preriscaldato e ventilato a 170° per circa 35′-40’….

Si possono mangiare appena tiepidi o, se gli sformatini vengono preparati in anticipo, scaldati nel microonde…
Buon appetito a tutti!!!

Proudly powered by WordPress