Tag: menu

Un’altra tortina senza burro ovvero: La torta al miele di eucalipto

Il miglior modo per difendersi da un nemico…

E’ non comportarsi come lui…
Marco Aurelio ( 121-180)

1999: Liceo Columbine, 16 vittime…
2011: Strage in Norvegia, 93 vittime…
2012: Denver, 12 vittime e 59 feriti gravi…

Mi sono chiesta spesso quali pensieri folli  albergano nelle menti delle persone ( tutti giovanissimi) che hanno attuato questi massacri.
Bravate, disprezzo per la vita altrui,ideologie,  frustrazione..o altro ancora??
E non sono bastati questi tragici eventi perché le leggi  che permettono la libera vendita delle armi, almeno negli Usa,  siano state anche parzialmente  modificate….
Allora alla prossima…non c’è che aspettare!!!!
Pensiamo alla ricetta che propongo oggi  che è meglio e, visto che almeno al nord le temperature si sono abbassate non ci sono scuse che tengano per accendere il forno per una misera mezz’ora..


Tempo di preparazione:15′
Costo: medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI
170 gr di farina autolievitante
2 uova
100 gr di miele di Eucalipto Luna di Miele
50 gr di zucchero
Codette colorate per decorazione


Ecco qui sotto la bella confezione del miele da me adoperato: per una tortina così semplice il miele deve essere eccezionale e di gran carattere:il miele di Eucalipto appunto..

Accendere il forno impostando il termostato sui 170° ..il consiglio è utile in quanto mentre si prepara l’impasto ( 15′) il forno raggiunge la temperatura necessaria…
In una scodella mescolare il miele con le uova intere….

Aggiungere ora lo zucchero e amalgamare per bene..basta usare una frustina manuale…

Ultima fase unire a manciate la farina autolievitante e ottenuta una massa omogenea ….

Versare il tutto in uno stampo base 18 cm ben imburrato ed infarinato…

Mentre si è preparato il dolce il forno ha raggiunto la temperatura di 170°, usare   la modalità ventilata  impostare il timer sui  25′ /30’…

Far raffreddare il dolce, pennellarlo sulla sommità con poco miele e versare a pioggia le codette colorate o decorare come meglio suggerisce la fantasia…

Buon inizio settima a tutti e buone vacanze!

Piccoli tortini cremosi

Ma oggi è il Nutella world day? No perché ha bisogno di esistere un “Nutella world day”?? Tipo san Valentino..festeggiate il vostro amore una sola volta all’anno? Celebrate la presenza nella dispensa (contornata da cori di voci angeliche con cono di luce) di quel delizioso barattolino di crema alla nocciola una sola volta all’anno? Io mi ci ritrovo spesso con le dita dentro..e per me ogni giorno sarebbe il nutella world day, fanculo ai salutisti (passatemi il termine non proprio chic). 
Manco a dirlo, già ieri, uscivo mossa da cattive intenzioni.  Burro e uova e farina di mandorle..imperativo categorico assoluto fare un dolce al cioccolato ehm..motivi personali.
Così, ispirata dal numero di marzo dell’anno scorso, di Elle à table, gelosamente conservato dall’ultimo viaggio a Parigi, mi imbatto nella ricetta di un piccolo gateaux cremoso, con tanto di colata di fondente a seguito.
Idea tanto semplice nell’aspetto, quanto da coro dell’alleluia nel gusto.
Piccola deviazione fuori percorso. Oltre a conservare gelosamente un vecchio numero di Elle à table dell’anno scorso (che poi sembra che sia non so che..ma c’è anche la versione on-line) custodivo, e mi guardo bene dal parlare al passato, un barattolino di crema al gianduia con il 46% di nocciola tonda piemontese. Chi l’ha fatta? Luca Montersino! Vi sarete mica persi la linea Eataly per Golosi di Salute nei supermercati Auchan? Per capirci meglio…la crema è questa
Ecco questa, l’ho spalmata fra i due dischi e poi bon! chi s’è visto s’è visto..direi che a questo punto manca solo la ricetta!
Per il gateaux
125 g di cioccolato al 72%
65 g di zucchero semolato
65 g di burro
65 g di farina di mandorle
3 uova
2 cucchiai di farina
Per la glassa
200 g di cioccolato al 70%
150 ml di panna
1 noce di burro
Preriscaldate il forno a 180°C e imburrate una teglia rettangolare e poi foderatela di carta da forno.
Dividete le chiare dai tuorli. Montate a neve le chiare e mettetele da parte.
Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato con il burro.
Nel frattempo montate a neve chiara i tuorli con lo zucchero, quindi unite i due cucchiai di farina più la farina di mandorle.
Unite a questo punto il cioccolato fuso insieme al burro.
Per ultimo unite le chiare montate a neve, inserendo nell’impasto dapprima una piccola quantità di albumi per rendere i due impasti più simili senza curarvi di mescolare dal basso verso l’alto.
Quando poi i due composti saranno più simili di consistenza incorporate il resto degli albumi montati all’impasto con movimenti decisi ma delicati dal basso verso l’alto.
Versate il composto ottenuto nella teglia e infornate per circa 20-25 minuti. Con la prova stecchino, questo dovrà uscire completamente asciutto, quando sarà cotta.
Per la glassa
Portate a bollore la panna e versatela sul cioccolato a pezzi.
Fate lisciare e unite alla fine la noce di burro.

Freselle con zucca, feta e mandorle

Un suggerimento goloso al volo, velocissimo. Ieri al market ho visto la zucca e, sapendo che tra poco non sarà più disponibile mi è venuto un raptus e ne ho preso un bel po’.
Niente di più semplice che la zucca, semplicemente saltata in padella con un filo d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe e qualche goccia di salsa di soia.
Nient’altro, la feta io non la so fare >-< 🙂
Ad ogni modo rimane un suggerimento veloce, magari da gustare subito, se avete gli ingredienti in casa..a me aspetta una sul tavolo in cucina..vadoooo !!!

Proudly powered by WordPress