Subscribe via RSS

Blueberry muffin

Torna a trovarci Davide, che dopo aver letto una splendida poesia per Benedetta, prepara dei deliziosi muffin ai mirtilli.

Preparazione:
amalgamare l’uovo con lo zucchero unendo il burro fuso e il latte.
A parte amalgamare il lievito con la farina.
Mischiare il composto ottenuto a quello con il latte.
Aggiungere i mirtilli precedentemente passati nello zucchero a velo.
Adagiare il composto negli stampini da muffin, facendo attenzione a non riempirli troppo.
Infornare per un quarto d’ora a 180°.

Ricerche frequenti:

Ancora …AUGURI ..e il Plum cake ciocco-caffè e..molto altro!!!

Pensate al futuro che vi aspetta…

Pensate a quello che potete fare…
E non temete niente…
Rita Levi Montalcini(1909-2012)

”Si è spenta, con Rita Levi Montalcini, una luminosa figura della storia della scienza. Il riconoscimento internazionale che ha premiato un’intera vita dedicata alla ricerca, ha costituito alto titolo di orgoglio per l’Italia, che garantirà l’ulteriore sviluppo della Fondazione scientifica da lei creata e fino all’ultimo curata con passione”, sono state le parole del presidente della Repubblica affidate a una nota diffusa dall’ufficio stampa del Quirinale. ”La sua ascesa a ruoli elevatissimi – ha aggiunto – ne ha fatto un simbolo e punto di riferimento per la causa dell’avanzamento sociale e civile delle donne, che l’ha vista personalmente impegnata anche fuori d’Italia. La fermezza e dignità con cui di fronte alle persecuzioni razziali del fascismo scelse la difficile strada dell’esilio ha rappresentato un esempio straordinario nel movimento per la libertà e la rinascita della democrazia in Italia. La serietà e dedizione con cui infine ha assolto alla funzione di senatore a vita l’ha resa ancor più vicina, nel rispetto e nell’affetto, alle istituzioni e agli italiani. Mi associo con commozione e gratitudine al cordoglio dei famigliari e del Paese”.
Ecco le parole di cordoglio del Capo dello Stato e meglio non mi sarei  potuta esprimere io per ricordare la figura di questa eccezionale donna che ci ha lasciato due giorni fa,ma la sua statura morale e scientifica campeggerà imperitura nel firmamento delle creature eccezionali che hanno reso il mondo un luogo migliore in cui vivere…. 

Rinnovo qui oggi gli auguri alle amiche cui non ho potuto porgerli a tempo debito  per il nuovo anno e propongo loro una carrellata di piatti, oltre alla ricetta che pubblicherò a breve, del mio contributo ..culinario…che ho portato a casa della mia amica Renata con cui, unitamente a pochi amici,  ho festeggiato l’ultimo dell’anno….
Le foto che seguono sono state fatte su suo invito e le ricette relative saranno di prossima pubblicazione….
Ecco qui sotto dei muffin salati ai pistacchi in una cialdina per gelato…

I paninetti alle olive..

Il plum cake e piccoli muffin  preparati con un’eccedenza d’impasto….

Il pan brioche al salmone…


La cheese cake alla panna acida….


Una delle crepes dolci, ne ho portato 12, farcite in 4 modi diversi…
E le madeleines al cioccolato bianco e al patè….che qui non compaiono..erano nel suo sterminato frigo….
Devo dire che i  miei amici mi aspettano sempre curiosi e “affamati” di novità…..

La ricetta che propongo oggi, di facile esecuzione, è nata dalla necessità di far fuori una grande quantità di caffè avanzato..
Normalmente lo avrei bevuto  senza troppi problemi ma da qualche tempo ho dovuto ridurne la quantità in quanto un eccesso di caffeina mi provoca l’aumento della pressione del sangue negli occhi..rischio glaucoma insomma….
Tempo di preparazione: circa 20′
Costo: medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI  per un plum cake grande e per 6 muffin ( nella foto ne manca uno che si è pappato mio figlio)
150 ml di caffè ristretto
50 ml latte 
150 gr di cioccolato fondente
300 gr di farina 00
22 gr di lievito per dolci
140 gr di burro
150 gr di zucchero semolato
3 uova grandi

Fondere nel caffè e latte il cioccolato fondente fatto a pezzi con il burro…

Sbattere le uova con lo zucchero…

Ottenuta un composto omogeneo di caffè, burro e cioccolato farlo intiepidire qualche minuto…

Quindi sempre mescolando con una frustina versare a filo il composto uova-zucchero….

E, sempre a filo, versare il tutto in una capace scodella contenente la farina setacciata due volte con il lievito…

Ottenuta una massa omogenea versarla un uno stampo in silicone grande da plum cake colmandolo per circa i 2/3…
IL resto del composto ( ne è risultato parecchio in più del previsto) porlo momentaneamente in frigo e, successivamente, colmare i vani di uno stampo da muffin
Infornare in forno preriscaldato, ventilato e con il termostato impostato sui 170° per circa 45′…controllare la cottura inserendo uno stuzzicandenti 

Lo stampo più piccolo verrà infornato in seguito e necessiterà di un tempo di cottura inferiore ..diciamo sui 20′/25′..
Spolverizzare con zucchero a velo e decorare con piccoli elementi ottenuti con cioccolato fuso posto in un cornetto di carta da forno..
Spero di non cominciare l’anno postando una ricetta in modo farraginoso..nel caso , per maggiori schiarimenti, io sono qui!!
Ancora tantissimi auguri a tutti!!!

Ricerche frequenti:

Le pasterelle alla crema


L’inquinamento atmosferico è nei limiti della norma…….




C’è biossido per tutti…….

Invece non c’è felicità per tutti……

Stefeno Benni (1947)



Diciamo la verità….
C’è chi si accontenta di poco per essere felice: una bella giornata….ideale per chi è meteropatico ( a meno che non si voglia preoccupare anche perché a metà ottobre il sole e il calduccio rallegrino questo ultimo scorcio d’estate)…
C’è chi pensa che essere in salute ( e diciamo poco) sia il massimo e come dargli torto?????
C’è chi è contento che ogni mattina può avere la certezza, andando a lavorare, che la pagnotta sarà portata a casa …..
E posso continuare per parecchio …personalmente penso che per essere non dico felici ma contenti ci si debba accontentare di quello che si ha, senza rinunciare ad un sano pizzico di ambizione, sdrammatizzare quello che succede, a meno che quello che capita non sia veramente drammatico, apprezzare le piccole cose ….

E poi non dico estasiarmi ma dare uno sguardo goloso anche se è presto, a queste pasterelle buone e diciamolo senza falsa modestia di bell’aspetto…..
Con questa ricetta partecipo al contest sperando che la ricetta sia adeguata al tema proposto…

In una foto allegata più sotto sarà possibile vedere che ho usato dell’olio….
Ci vuole un olio extravergine e finissimo e consiglio alle amiche quello del Frantoio Valle Argentata.
La Signora Antonella mi ha fatto sapere che dal 17 ottobre sarà pronta la produzione dell’olio nuovo e che possono essere effettuare forniture per regali aziendali e per i gruppi d’acquisto……
Lo sconto del 10% per coloro i quali faranno degli ordino citando il mio nome o quello del mio blog è sempre valido!!!
Tempo di preparazione: circa 40′
Costo: medio
Difficoltà:**
INGREDIENTI

Per l’impasto di base

420 gr di farina 00
1 pizzico di sale
una puntina di Vanillina Bourbon in polvere
250 gr di ricotta
120 gr di zucchero
50 gr di latte
50 gr di olio finissimo extravergine Frantoio Valle Argentata

Per la farcitura

1 confezione di Crema Pasticcera pronta dei Molini Chiavazza


Far sgocciolare per bene la ricotta ed unire lo zucchero, mescolando con cura fino ad ottenere un composto omogeneo……

Si possono usare sia una frustina manuale che quelle elettriche……

Ora aggiungere l’olio extra vergine finissimo come quello delle Valle Argentata ….

E per ultimo il latte…..

Versare nel boccale del mixer la farina precedentemente setacciata con il pizzico di sale, il lievito per dolci e la vanillina Bourbon e, mentre il robot è in funzione unire il composto fluido fino ad ottenere un impasto come appare qui sotto……

Va lavorato brevemente, avvolto con pellicola trasparente e posto in frigo per almeno 30′…

Passato questo tempo stendere con l’aiuto di un matterello fino ad ottenere una sfoglia sottile pochi mm. e inciderla con un taglia biscotti di forma circolare o con un bicchiere in modo da ottenere dei dischetti di diametro di circa 8 cm…..
Si può quindi procedere in due modi:
Si può disporre al centro del tondello poca crema pasticcera pronta del Molino Chiavazza e coprire con un tondello delle stesse dimensioni avendo avuto cura di inumidire i bordi con poca acqua premendo delicatamente con le dita lungo il perimetro…..
Cospargere i dolcetti con poco zucchero semolato…..

Oppure, sempre con le modalità di preparazione su descritte si possono disporre dei pirottini in uno stampo da muffin..
I pirottini ( lo segnalo a quelle amiche che in passato mi chiedevano dove fosse possibile acquistarli…..sono veramente deliziosi) sono della Decora….

Infornare quindo in forno preriscaldato, ventilato a 1870° per circa 30′…..
Ogni amica si saprà regolare con il suo forno…..
La ricetta è tratta, con qualche modifica, da un vecchio numero di “Cucinare Bene”…..

Ricerche frequenti: