Categoria: Ricette Varie di Cucina

Il BORGO MEDIEVALE e la PIAZZA DEI MESTIERI…giornata indimenticabile anche per la pioggia!!!!!


Ogni tanto mi concedo una piccola evasione dalla solita  routine e devo dire grazia a Simona se sono stata informata circa questo evento…. senza di lei mi sarei persa la conoscenza , non dico del Borgo Medievale, che tutti i torinesi e anche buona parte dei forestieri conoscono, ma anche di tutto quello che avviene tra le sue mura ….

Qui sotto la foto mostra una  preoccupante visione del Po all’inizio della giornata di ieri…dopo la pioggia scosciante che ha caratterizzato tutta la giornata e la notte le sue condizioni sono notevolmente peggiorate con allagamenti ..non oso pensare a tutti i locali che si affacciano sui Murazzi e, fuori Torino, ai campi allagati e alle colture distrutte …
Pensate che ieri hanno sospeso anche la gara del Giro d’Italia che doveva attraversare Pinerolo preferendo un percorso alternativo e  meno periglioso….


La collaborazione tra il Borgo Medievale e la Provincia di Torino prende forma stabile con l’inaugurazione avvenuta proprio ieri sabato 18 maggio  alle 11 di una nuova bottega dei prodotti del Paniere della Provincia, punto espositivo permanente all’interno del Borgo.
Care amiche, se avete un momento di tempo, vi prego di approfondire, cliccando sui link allegati,   la conoscenza di queste realtà esistenti nel nostro territorio..
Qui sotto un tavolo che sul quale era possibile ammirare e soprattutto assaggiare i grissini, i salumi e i formaggi offerti dal Paniere in occasione della nostra visita…

E qui di seguito alcune specialità poste in vendita...

Questi poi sono i famosi peperoni di Carmagnola…
una meraviglia!!!

Non ho saputo resistere alla tentazione di fotografare lei con la buffissima custodia del suo iPhone…ma la vedrete anche in seguito nelle foto di gruppo verso la fine del post..
E’ stato un vero piacere conoscerla e ho apprezzato la sua compagnia come quella di altre blogger che hanno reso la giornata ancora più bella…

Qui siamo all’interno dei locali del Borgo…
Ho potuto constatare quanto la mia digitale sia limitata e poco soddisfacente..infatti le foto sono veramente poco belle e dettagliate causa la poca luce e non solo…

L’ingresso….

La sala delle armature …

La dispensa….

Oltre la quale si accedeva alla cucina vera e propria….

Un focolare piano terra…. anche nel mio trullo in Puglia in una stanza ce n’è sia uno come questo che uno rialzato dove mia nonna cucinava seduta…

Una nicchia con Burnie ” barattoli”  e formaggi…

Taglieri con prosciutti e salami…

Sala da pranzo…

Qui ci troviamo nella cappella dove venivano officiate le funzioni….
Purtroppo non ho fotografato le altre sale per la poca luce e per per le tante persone che affollavano i locali…..

Finalmente, dopo aver lasciato la macchina  in un parcheggio sotterraneo in Piazzale Vado Fusi, in Via Giolitti, siamo andate al ristorante L’Agrifoglio Via Provana prenotato per l’occasione….
Io sono particolarmente esigente in fatto di cibo ma devo dire che il menù proposto, la velocità del servizio, e la presentazione dei piatti era veramente eccellente..
Onestamente non so dire il nome di questo antipasto: il menù era distante e non ho voluto disturbare il commensale più vicino ma il secondo antipasto, che qui non appare,  era costituito da carne all’albese e fonduta di Castelmagno….

Questi due primi non hanno bisogno di presentazione…ottimi entrambi….

Purtroppo lo stinco invece  lasciava a desiderare….

Ma ci siamo confortate con i due dolci..panna cotta e zabaione su fettine di pera…

Sempre sotto una pioggia torrenziale..io, pensate avevo anche le scarpe di vernice…. siamo andate nella Piazza dei Mestieri  che devo dire mi ha stupita non solo per l’organizzazione ma anche per le sue finalità…
Per favore andate a visitare il sito per approfondire meglio le sue molteplici e utilissime attività rivolte a ragazzi tra i 14 e i 18 anni  che non amano studiare e che dopo le medie possono, frequentando i corsi, e ve ne sono per tutte le inclinazioni e le loro  possibilità, diventare maestri birrai, pasticceri, barman, cuochi e tanto altro…
Qui sono un giovane maestro birraio ci ha spiegati come nasce la birra e le successive fasi di trasformazione degli ingredienti iniziali in una ottima bevanda….

E qui sotto c’è Lisa e Simona …

Altro gruppo  ma a sinistra c’è la deliziosa Irene..adorabile…

E qui si sono anche io..mi riconoscerete di certo…sono la più vecchia!!!

Continuando nel nostro percorso la nostra guida ci ha condotto nella grande e ordinatissima cucina….

Nel teatro dove si svolgono manifestazioni canore e teatrali….

E nell’elegante ristorante….

Si possono prenotare le sale per banchetti di nozze  e per ogni altro incontro che richiede un ambiente signorile…

Ecco qui care amiche…. siamo arrivate alla fine del post…spero di non avervi annoiate e mi auguro  che siate riuscite a sopportarmi fino in fondo…..
Vi lascio augurandovi  un buon inizio settimana..oggi per fortuna il sole ci ha accompagnate tutto il giorno almeno qui dove abito io…
Sto diventando che gli inglesi che hanno come tema preferito delle loro conversazioni il tempo????

… ORATE ALL’ACQUA PAZZA CON IL BIMBY …

INGREDIENTI
ORATE 600-700 g OGNUNA
4 -5 PATATE MEDIE
3 SPICCHI D’AGLIO
3-4 POMODORINI
30 g di OLIO DI OLIVA
1 MAZZETTO DI PREZZEMOLO
SALE  e PEPE q.b.
200 g di ACQUA
100 g di VINO BIANCO



Buona domenica a tutti…
non avevo mai fatto le orate all’acqua pazza perchè pensavo che sapevano di lesso ^__^ , invece devo ricredermi sono davvero eccezionali , poi cucinate con il bimby hanno tutto un’altro sapore .
cotte a vapore nel varoma sprigionano davvero la loro freschezza marina ^__* risultando al morbide e delicate al palato , e un secondo piatto , leggero e buonissimo.
e un piatto che compensa i vostri commensali  per la semplicità e per il loro sapore irresistibile …
iniziamo:
squamate e eviscerate le orate lavate sotto l’acqua corrente e asciugatele , fate un trito con 2 spicchi d’aglio e più della metà del prezzemolo lavato e asciugato mettete in una ciotolina e aggiungete 15 g di olio sale e pepe mescolate e lasciate riposare per 10 minuti …
nel boccale mettere l’acqua il vino i pomodori tagliati a pezzi il prezzemolo restante spezzetato , lo spicchio d’aglio , 15 g di olio sale e pepe …

riprendere il trito e andiamo a aromatizzare le orate all’interno della pancia e all’esterno strusciandole per bene con il trito , rivestire il varoma e il vassoio del varoma con carta forno bagnata e strizzata , sistemare le orate nel varoma e vassoio …

pelare le patate e tagliarle a tocchetti non troppo piccole mettere le patate nel cestello e metterle nel boccale sopra il ceppo di coltelli chiudere il boccale e appoggiare sopra il varoma e far cuocere per 20 minuti tempo varoma velocità 1 …
passato il tempo di cottura togliere le orate e metterle nel vassoio da portata accompagnate con le patate irrorare il tutto con il sughetto all’acqua pazza ….

BUON PROSEGUIMENTO DI GIORNATA A TUTTI ….


… PROVARE  PER GUSTARE …
… LIA …

Linguine al radicchio e crescenza.


Ultimamente non ho il tempo nemmeno di postare ricette sul blog! Che peccato!
Ma spero sia un periodo passeggero, nel mentre, faccio capolino con questa ricetta veloce veloce che si fa veramente con niente.
6 ingredienti, servono solo 6 ingredienti per mettere suquesta pasta alter ego al cugino risotto.
Ingredienti per 1 persona:

100 gr di linguine
6 foglie di radicchio/trevigiana
50 gr di crescenza
Cipolla
Olio
Vino rosso
Tritate la cipolla e fatela soffriggere in olio, aggiungeteil radicchio, lavato e tagliato a listarelle.
Mettete a bollire l’acqua per la pasta, salatela.
Man mano che il radicchio appassisce aggiungete il vino rossoe sfumate, poi, un mestolo alla volta, dell’acqua di cottura della pasta.
Quando l’acqua si asciuga continuate ad aggiungere, unmestolo alla volta.
Alla pasta mancano 2/3 minuti alla cottura? Scolatelapreservandone una tazza di acqua, e mettetela a cuocere nella padella,risottandola insieme al radicchio.
Se è troppo asciutta aiutatevi con l’acqua della pastatenuta da parte, se troppo liquida, cuocere a fuoco vivace, ma senza asciugarlatroppo.
Infine, passati i minuti mancanti alla cottura, aggiungetela crescenza o stracchino, mescolate, fate riposare un paio di minuti e servitefumanti, nel vero senso della parola, lo vedete il fumo nella foto??? non è un effetto paint oppure azoto liquido!! 😉

Proudly powered by WordPress