Subscribe via RSS

Lemon Meringue Pie Veloce ricetta Benedetta Parodi per Molto Bene su Real Time

Buonissima questa torta che la nostra amica Benedetta Parodi nel corso della sua nuova trasmissione di cucina in onda su Real Time dal titolo Molto Bene, la ricetta della Lemon Meringue pie, una torta della tradizione gastronomica americana che si prepara in pochissimi minuti con del latte condensato e dei biscotti tritati al posto della classica frolla.

Foto tratte dalla video ricetta della trasmissione Molto Bene su Real Time

Ma ecco la lista degli ingredienti e il procedimento utilizzato dalla nostra Benedetta per cucinare questo buonissimo piatto dal titolo “Lemon Meringue Pie Veloce” nella sua rubrica quotidiana di cucina dal titolo Molto Bene in onda su Real Time.

Tempo preparazione e cottura: 25 min ca.

Ingredienti Lemon Meringue Pie Veloce per 8 persone:
  • 400 gr di biscotti
  • 250 gr di burro
  • 450 ml di latte condensato
  • 4 uova
  • il succo di 2 limoni
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito

Procedimento per cucinare la ricetta Lemon Meringue Pie Veloce di Benedetta Parodi

Prendete i biscotti e tritateli servendovi di un mixer. Unite poi il composto ottenuto al burro che avrete fatto fondere mettendo il tutto in una ciotola.

Trasferite il composto ottenuto sulla base della tortiera dotata di cerniera che avrete ricoperto, in precedenza, con della carta forno. Ricordate di ricoprire anche il bordo sui lati. Lavorate il latte condensato con i tuorli mescolando con la frusta finchè non otterrete una crema omogenea.

Unite il succo dei limoni alla crema e amalgamate il tutto versando la crema all’interno del guscio di biscotto.
Montate a neve gli albumi con lo zucchero e il lievito e trasferite il composto ottenuto sopra alla crema, formando dei ciuffi sulla superficie.

Mettete in forno a 180 gradi e cuocete circa 15 minuti. Fate raffreddare la torta, poi mettetela a riposare un paio di ore in frigorifero.

Non ci resta che augurarvi….buon appetito!

Evviva il fuori tutto…ovvero la Torta-riciclo di Mammazan

Dagli occhi delle donne deriva la mia dottrina…




Essi brillano del vero fuoco di Prometeo…



Sono i libri, le arti, le accademie che mostrano, contengono e nutrono il mondo…


William Shakespeare (1564-1616)



Qualche tempo fa, diciamo un mese e mezzo, sono andata a trovare una mia cara amica la quale mi raccontava che era andata allo spaccio della Caffarel per acquistare dei panettoni sia per il consumo famigliare sia per regalarli a parenti ed amici…..


Ad un certo punto mi dice:”Vuoi un mezzo panettone? Noi ne abbiamo acquistato troppo!!”


Qualcuno potrebbe pensare:”Ammazza si è buttata a regalare solo un mezzo panettone!”…


Se non fosse che il mezzo panettone in questione  ( per pura curiosità l’ho pesato viste le dimensioni) pesava, dicevo, due chili e mezzo…..


Ora io una fetta di dolce la mangio tutte le sere dopo cena e con costanza e una certa determinazione l’ho fatto fuori TUTTO  meno una fetta che è stata utilizzata, volutamente, per questa torta…..


E chi  ha ancora qualcosa in dispensa …avanzata dal Natale scorso..lanci l’ultima fetta!!!!


Tempo di preparazione : 20′
Costo: basso
Difficoltà:*


INGREDIENTI


1 confezione di pasta frolla pronta
3 uova
450 gr di ricotta
100 gr di panettone
100 gr di torrone tenero al cioccolato
80 gr di zucchero
poca marmellata di melanzana o altra che si ha a disposizione
poco cioccolato fondente grattugiato
poco latte




In una capace scodella mescolare la ricotta, lo zucchero e le uova…





Unire una dadolata di panettone….



Tagliare a cubetti il torrone morbido..o quello che si ha a disposizione…..



E unirlo al resto dell’impasto….



Disporre in una teglia, con la carta forno in dotazione, un rotolo di pasta frolla pronta e cospargere il fondo con della marmellata…..


Io ho usato l’avanzo, tanto per essere in tema con il titolo del post, della marmellata di melanzane…la ricetta la potete trovare qui….



Velare la base in modo omogeneo e versare la farcia appena approntata…..



Rimboccare l’eccedenza della pasta frolla come appare in foto….



Cospargere la superficie del dolce con del cioccolato fondente grattugiato..altro avanzo…..


Pennellare la frolla con poco latte…



Ed infornare in forno preriscaldato, ventilato alla temperatura di 180° per circa 35’/40’….


E questo è il risultato!!!!



Buon inizio settimana  a tutti!!!!

Fusilli integrali con pomodoro, basilico e fagiolini

Sembra retorica ma ormai…ma non sono stufi di passare rubriche che ripetono per la milionesima volta sempre la stessa cosa?

Avete dimenticato gli speciali (per correttezza non dico trasmessi da chi, ma sicuramente ci avete azzeccato;) dove ogni estate, puntualmente, sentivate la medesima solfa…”per combattere il caldo, frutta, verdura e tanta acqua? e sai che scoperta..non è che devi…..proprio non riesci a mangiare altro! Almeno, per quanto mi riguarda non riuscirei a nutrirmi di alimenti grassi e ipercalorici che, diciamo la verità, durante l’inverno invece costituiscono non solo leccornie vere e proprie, ma soprattutto alleati nella sopravvivenza quotidiana..certo, sempre tutto con moderazione dico io..ma fondamentalmente penso che l’unica cosa da fare sia seguire le necessità del proprio corpo. 
Personalmente solo di una cosa non potrei mai stufarmi, i dolci. Sono in astinenza infatti dal mettere le mani in pasta su qualcosa di goloso..ma per il resto..come già annunciato sulla mia pagina, sul Bistrot siamo in modalità light.
Caronte è passato ma ad ogni modo, la piena estate incombe comunque. 
Quindi, cosa può esserci di meglio di un piatto unico, fresco, ricco di primizie di stagione? Insomma la salute ci guadagna, l’abbronzatura pure e persino l’umore ringrazia!
La ricetta ve la racconto perché non è proprio il caso di spiegarvi come si fa….le uniche cose sono; ho cotto la pasta nella stessa acqua di ebollizione dei fagiolini.
Una parte di fagiolini l’ho, invece, cotta al vapore in modo da poterne controllare meglio il livello di cottura dal momento che ne avrei voluto anche qualcuno un po’ più “croccante”.
I pomodori sono stati spellati e privati dei semi, la polpa e il succo recuperati in modo da utilizzarli per ottenere una emulsione con l’olio, il sale e un’idea di pepe con la quale potete pii andare ad insaporire ulteriormente il condimento della pasta.
Il basilico spezzettato rigorosamente con le mani.
Spero possano piacervi queste ultime ricette, vero è che non sono piatti d’alta cucina ma, sapete come la penso, è il sapore, che fa la differenza..
Baci tanti, a tutti !