Subscribe via RSS

Bourbon balls

Succeda quel che succeda…

I giorni brutti passano esattamente come tutti gli altri…
William Shakespeare (1654-1616)

Sempre più spesso penso alle cure che dedichiamo ogni giorno ai nostri figli e nipoti….
Da quando nascono li seguiamo con amore e affetto infiniti: da quando mettono i primi passi fino a quando possono camminare con le loro gambe e affrontano la vita con le loro forze e compiono le loro scelte in tutti i campi…..

Scelta degli studi, scelta dei compagni , scelta degli amici,  scelta della persona da amare….
E poi arriva un disgraziato che in nome di un amore finito male, di una gelosia patologica, di una separazione non accettata compie il gesto estremo e risolutorio almeno ai suoi occhi…
“Io finirò in galera…ma lei muore”…
A pochi giorni fa risale l’ultimo atto di sangue che ha avuto come vittima  una ragazza..
Purtroppo le donne  oggetto di tale violenza sono state due anche se quella designata forse se la caverà almeno fisicamente….
A farne le spese è stata la sorella accoltellata a morte per difenderla 
Temo fortemente che le cronache ci proporranno ancora eventi cruenti come questi e mi chiedo: quando finirà questa mattanza??
Passo ora a parlare della ricettina che propongo oggi per addolcire un po’ l’amaro che rimane in bocca…

Tempo di preparazione : circa 20′ più almeno 30′ per la confezione delle balls.
Tempo di preparazione: circa 15′ più il tempo per formare le balls, almeno altri 30′
Costo Medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI per circa 35 balls
28 wafer farciti alla vaniglia
50 gr di noci
50 gr di cacao amaro
3-5 cucchiai di bourbon o altro liquore ad alta gradazione ad esempio  brandy 
90 gr di sciroppo d’acero
Codette di cioccolato o multicolor

Spezzettare e porre nel mixer i wafer e ridurli in polvere…
Trasferirli in una grande scodella…

Sempre con l’aiuto del fidato robot frullare le noci e unirle ai wafer…

Unire il cacao…

Ecco qui sotto la famosa bottiglietta dello sciroppo d’acero, spesso dolce compagna di golose colazioni…

In una ciotolina mescolare il bourbon e lo sciroppo d’acero…

E unirlo alla massa contenuta nella scodella..
Mescolare per bene onde amalgamare alla perfezione il tutto…

Ora ci vuole olio di gomito per formare con le mani leggermente inumidite le palline…
Disporle man mano su un vassoio ricoperto da carta da forno…

Mi rendo conto che avrei dovuto mettere un righello per evidenziare la loro dimensione che dovrebbe essere all’incirca quanto una noce o anche leggermente più piccole…

Versare in un piatto le codette e con le mani leggermente inumidite far aderire i piccoli segmenti al cioccolato o, in alternativa le palline multicolor…

Occorre un po’ di tempo per ultimare la preparazione di questi bon bon ma credo ne valga la pena….
La ricetta è tratta dal web.

Si conservano in frigo per diversi giorni e possono, al bisogno e  in mancanza d’altro, essere oggetto di regalo…
Auguro a tutte le amiche un’ottima giornata bella e calda, almeno qui da me, come quella di ieri… 
Resta il fatto che oggi è lunedì!!!!

Torta Cocco e Cioccolato

Il dolce del menu di questa sera è preparato in due step. Chi desidera una cosa non troppo complicata, può preparare questa torta piuttosto semplice al cocco e cioccolato, farcita con una crema di formaggio al cocco e di cui vediamo il procedimento di seguito. Per chi invece vuole provare qualcosa di più, questa può diventare la base per una torta più elaborata e decorata.

Puntata I Menu di Benedetta: 19 ottobre 2012 (Menu Compleanno di Eleonora)
Tempo preparazione e cottura:  45 min ca.

Ingredienti Torta Cocco e Cioccolato per 4 persone:

  • 350 gr di zucchero
  • 350 gr di farina
  • 1 bustina di lievito
  • 6 uova
  • 350 gr di burro
  • 1 fialetta di vanillina
  • 90 gr di cocco essiccato
  • 2 cucchiai di cacao
  • 300 gr di formaggio spalmabile
  • 150 gr di zucchero a velo
  • 1 fialetta di vanillina
  • 45 gr di cocco essiccato

Procedimento ricetta Torta Cocco e Cioccolato di Benedetta Parodi

  1. Impastare al mixer lo zucchero con farina, lievito, uova, vanillina e burro
  2. Dividere l’impasto in due parti, e aggiungere il cocco ad una metà e il cacao all’altra.
  3. Versare l’impasto al cacao in una tortiera imburrata e infarinata, poi versare anche l’impasto al cocco e mescolarli leggermente, per rendere variegata la torta.
  4. Cuocere in forno a 180 gradi per 30 minuti.
  5. Tagliare la torta formando 3 strati.
  6. Preparare la farcia mescolando il formaggio con zucchero a velo, vanillina e cocco.
  7. Farcire gli strati di torta con la crema al cocco.
  8. Per chi vuole decorare questa torta: seguire i consigli di Dalila

Arepas di pesce speziato

Non so più quanto tempo sia trascorso dalla mia ultima partecipazione ad un contest di cucina.
Ho trascurato tanto questo aspetto “social” del condividere una ricetta per un concorso…stamattina, mentre cominciavo a lavorare sulla ricetta ci ho riflettuto su, giungendo alla conclusione che dovrò farlo più spesso.
E’ anche vero che di contest culinari sul web ormai ne girano molto pochi, ma ho apprezzato moltissimo l’invito che Camilla mi ha fatto per la partecipazione al suo concorso.
Mai sottovalutare il lavoro che c’è dietro a un contest di cucina, solo solo per ciò che ha a che fare con l’ispirazione.
Sapori di fine Estate. Bene, mi ci ritrovo a meraviglia, in effetti sono proprio una di quelle brontolone nostalgiche che sino a che il caldo estivo imperversa con tutta la sua forza lo detesta, e sogna l’inverno..ma poi si ritrova a dover fare i conti con giornate piccole piccole e spesso uggiose e quanto mai fredde rimpiangendo la dolce compagnia della luce dell’estate..
Il lato più interessante sta proprio nel soffermarsi a pensare cosa per noi è, nella sostanza, ciò che il titolo del contest ci suggerisce.
Che forma ha? Da cosa è accompagnato…? Qual’è il sapore di fine estate?
Io ho trovato la mia dimensione.
Per me il pasto estivo è sempre veloce, pratico, ma al contempo anche gustoso e sano.
Ha una forma di focaccina ripiena, come quella che si è soliti portare al mare, e ha il sapore, del mare.
Il tutto accompagnato da un buon vino fresco, e magari un buon libro, per rilassarsi, nella pausa pranzo.
Ho pensato a del pesce speziato, con un leggero tocco d’harissa, insaporito con del porro e radicchio, tutto legato da una golosa salsa maionese al sedano.
La focaccina, fatta con sola farina di mais e acqua è l’arepas, una sorta di piadina, di origine, in questo caso, venezuelana.
E voi…volete pensarci su?
Arepas di pesce speziato con maionese al sedano, porro e radicchio
Per 20-25 Arepas
300 g di farina di mais
400 g di acqua
1 cucchiaino di sale
Impastate tutti gli ingredienti sino a formare una palla d’impasto, avvolgete con pellicola, lasciate riposare 1/2 ora quindi stendete l’impasto su di una spianatoia con l’aiuto di un mattarello sino allo spessore di 1/2 cm.
Tagliate al pasta con delle formine quindi posizionate le focaccine su di una piastra ben rovente e fate cuocere sino a colorazione.
Per il ripieno
300 g di filetto di merluzzo
1 porro 
1 cespo di radicchio
1 sedano
olio d’oliva q.b
harissa in polvere q.b
sale q.b
Per la salsa
1 uovo
1 tuorlo
300 ml di olio di semi di arachidi
succo di mezzo limone
1 cucchiaino di sale
Potete preparare subito la maionese con il solito metodo lavorando con una frusta le uova col sale e il limone aggiungendo a filo l’olio su di esse, sempre lavorando con la frusta.
Io utilizzo un uovo intero perché adoro la leggerezza che conferisce la presenza dell’albume nella salsa.
Affettate finemente il sedano e aggiungetelo alla maionese quando sarà pronta.
Affettate il radicchio a julienne e mettete da parte, lo useremo a crudo.
Tagliate il porro per il senso della lunghezza, non a rondelline.
Ricavate delle striscioline che andrete a far rosolare in padella con un filo d’olio d’oliva, aggiungete i filetti di pesce (ben puliti e senza spine) e spolverateli con un pizzico di harissa, salate, e lasciate in cottura pochi istanti.
Durante la cottura del pesce se il porro dovesse andare a colorarsi troppo toglietelo dalla padella con l’aiuto delle pinze e mettetelo da parte, useremo anche lui per farcire il panino.
Assemblate il tutto versando un po’di salsa maionese al sedano sulla base, quindi un bel pezzo di filetto di pesce, quindi il porro stufato, il radicchio, e ricoprite con la focaccina.
Se lo gradite più farcito procedete con un ulteriore strato di ingredienti.
Servite tiepidi.
Con questa ricetta partecipo al contest di Camilla “Sapori di fine Estate”