Subscribe via RSS

La Saint Honorè di Mammazan

Chi mai amò….

Che non abbia amato a prima vista??
Christopher Marlow ( 1564-1593)

“Cosa preparo come dolce per Pasqua: la Pastiera o la Saint Honorè?”
Immediata  è stata la risposta….
“La Saint Honorè”…
E così mi sono fregata sa sola perchè dopo aver formulato una domanda così semplice a mia figlia e soprattutto dopo una risposta così immediata non potevo far altro che affrontare il “problema” della preparazione di un dolce classico ed importante…

Mi ha consolato lo sguardo meravigliato di mia figlia e dei miei famigliari  quando ha aperto il contenitore per dolci ( mi devo per forza attrezzare in modo adeguato per il trasporto specialmente se il dolce è infiocchettato con la panna ed altro…

Devo dire che sono ricorsa a dei “mezzucci” per la sua realizzazione come ad esempio ho usato la crema chantilly in busta da preparare al momento e ai bignè acquistati pronti….altrimenti sarei ancora lì ad immolarmi vicino alla cucina…
Con il senno di poi mi sento di consigliare alle amiche, nel caso si volessero cimentare nella preparazione di questa torta, di usare in luogo della pasta Maddalena  un pan di Spagna ( ci sono delle buste di preparato pronto all’uso che con l’aggiunta di uova e poco altro garantiscono il successo..ma lo le devo ancora sperimentare) o addirittura di acquistare quello pronto…ma non è la stessa cosa…
O ancora di usare la pasta sfoglia con cui in passato si preparava la base di questa torta….
A voi la scelta….

Tempo di preparazione: circa 30′ per la torta Maddalena e almeno un’ora per l’allestimento del dolce.
Costo: medio
Difficoltà:**

INGREDIENTI

Per la torta Maddalena
150  gr di zucchero
75 ger di farina 00
75 gr di fecola di patate
50 gr di burro
6 uova intere e grosse
1 pizzico di sale

Per l’allestimento della Saint Honorè
12 bignè pronti
2 buste di crema chantilly ( vedere per la sua preparazione  quanto riportato sulla confezione.
500 gr di panna fresca da montare
2 cucchiai di zucchero a velo
2 bustine di Pannafix

Per il caramello 
100 gr di zucchero semolato
1 cucchiaio di acqua 
1 cucchiaio di glucosio

Per la bagna
Il succo di 2-3 arance o maraschino ( il  sentore di liquore non piace in famiglia)

Per la decorazione della circonferenza della torta 
100 gr di nocciole

Sgusciare le uova intere  in un capace tegame di alluminio e aggiungere lo zucchero…
Porre il tegame su un altro che contenga acqua calda e su fuoco basso e montare le uova e zucchero con le fruste elettriche…

Montare a lungo, in tutto per 6′-8′ facendo degli intervalli di circa 2′ per non surriscaldare il piccolo elettrodomestico…
IL mio lo richiede ma se avete un mezzo più potente non tenete conto di questa raccomandazione…


La foto precedente mostra il livello delle uova prima della lavorazione e questa che vedete qui sotto mostra quanto le uova sono diventate ben soffici e ben montate…
Quando la massa è diventata ben soffice levare il tegame dal bagno maria e continuare a montare le uova e zucchero fin quando  si è raffreddata…..
Ora aggiungere con uno spargifarina la farina setacciata con la fecola…

Versare il tutto in uno stampo di silicone (diametro 22-24 cm.) o altro in metallo ben imburrato e infarinato e porre in forno preriscaldato e ventilato a 175° per circa 30’….

Far raffreddare …

Dividere in due il dolce e porlo direttamente su un piatto da portata ( qui lo vedete posto su uno di plastica da pasticceria)…
Bagnarlo con il succo filtrato delle arance … a mia figlia non piace il profumo del liquore e poi il dolce doveva essere gustato anche dai miei piccini)

Preparare la crema chantilly ( o se si preferisce con crema pasticcera) come indicato sulla confezione e montare la panna con 2 cucchiai di zucchero a velo e due bustine di Pannafix ( una per ogni 200 gr di panna..io le ho fatte bastare per i 500 gr di panna usati).
Spalmare meno della metà della crema chantilly livellandola con una spatola e altrettanta quantità di panna…
Porre ora il secondo disco di torta e bagnarlo con il resto dell succo di arancia, farlo assorbire per bene.. 
Il resto (crema e panna)  servirà per la parte superiore del dolce e per farcire i bignè….

Prima di procedere alla finitura del dolce frullare le nocciole finemente e con pazienza farle aderire alla circonferenza del dolce prima spalmata con la panna….
Aiutarsi con un coltello o una spatola per farla aderire per bene..servirà per mascherare gli strati e come decorazione…

Calcolare il numero dei bignè da porre a corona sulla torta: a me ne sono servisti 12 …fare delle prove prima della loro farcitura…
Praticare un taglio con le forbici e con una sac a poch munita di beccuccio farcirne una parte   con la crema chantilly e una parte con la panna….

Non è ancora finita…
Preparare un caramello con lo zucchero, un cucchiai di acqua e uno di glucosio e quando appare ben dorato immergere la “testa” dei bigne….
Attenzione ci si può scottare…

Disporre ora a corona sul dolce, come appare in foto, i bignè farciti e caramellati ….

Qui si vede bene la granella di nocciole e i bignè caramellati ( il caramello non è il mio forte)….

Mi raccomando i bignè devono essere ben pieni….di panna o chantilly!!!

Ora, e siamo veramente alla fine, porre il resto della panna nella sac a poche ( ne ho usate due: una con beccuccio lungo per farcire i bignè e una con bocchetta spizzata per fare i soliti ciuffetti)….

E decorare il dolce con i ciuffetti soliti che faccio sempre..

Volendo si può aggiungere a metà della  panna un poco di cacao setacciato e decorare  il dolce  in parte bianco e in parte color marrone…
Francamente io non  me la sono sentita!!
Buon 25 aprile a tutti!!!

Due torte due per il compleanno di Alessandro

Probabilmente ci sono parole che sono rivolte esattamente alla nostra condizione…

E che, se potessimo veramente udirle e capirle,

Sarebbero per la nostra vita più salutari del mattino o della primavera e forse ci farebbero vedere le cose sotto una luce diversa…
Henry David Thoreau (1817-1862)

L’aforisma è lungo come il post che mi accingo a pubblicare…
Tante foto fatte al volo prima che arrivassero gli invitati per festeggiare l° primo compleanno di Alessandro, il secondo e bellissimo gioiello che arricchisce la nostra famiglia…
Tovaglia un poco spiegazzata, palloncini gonfiati all’ultimo minuto, mentre il papà e il nonno portavano a spasso Giulia e Alessandro, in modo da poter allestire il tutto con un minimo di calma….
Foto fatte al volo con luce ambiente..
Ma non sono venute malissimo, non è vero??

La prima torta, la cui foto appare ad inizio post, è un Pan di Spagna farcito a strati  con crema chantilly e purea di fragole (questo era il desiderio di mia figlia che aveva assaggiato un dolce simile al compleanno di un’amichetta di Giulia…
Questa che appare qui sotto è la Chartreuse le cui modalità di esecuzione ho pubblicato qui e che ora potete vedere liberata dallo stampo a cerniera e debitamente decorata e infiocchettata con la panna..

Devo dire che  la chartreuse mi fa fatto lavorare parecchio ma alla fine anche tanta soddisfazione specialmente quando gli invitati si sono meravigliati  per il fatto che che l’avessi preparata io…

Per la preparazione del Pan di Spagna ho dovuto vincere un attimo di pigrizia ..sono stata tentata di andare ad acquistarlo pronto ma alla fine l’ho preparato secondo la ricetta di una cara amica di cucina che l’ha realizzato in un modo semplicissimo e a dir poco geniale  sveltendo i vari passaggi e riducendo i tempi di preparazione….


Anche la ricetta della crema chantilly è sua ed io l’ho seguita alla lettera abbondando solo con la panna montata…

Qui sotto potete vedere una foto abbastanza suggestiva con i miei occhiali in secondo piano e  la torta illuminata dagli ultimi raggi di sole….

Ultima foto prima di passare alla ricetta… la fetta della chartreuse: un ricco connubio di sapori ….


Tempo di preparazione: circa 20′ 
Costo: basso
Difficoltà*

INGREDIENTI

4 uova grosse
100 gr di zucchero a velo
100 gr di farina 00
1 pizzico di lievito per dolci
1 bustina di vanillina

Per la farcitura 

Per la crema chantilly
2 tuorli
40 gr di zucchero
40 gr di farina 00
250 gr di latte aromatizzato con la vanillina o la buccia di un limone bio

400 gr di fragole
2 cucchiai di zucchero


Per la decorazione

500 gr di panna da montare
2 cucchiai di zucchero a velo
2 bustine di Pannafix

Prepariamo ora il pan di Spagna:
Separare gli albumi dai rossi….
E’ importate che in questi ultimi non ci sia traccia alcuna di tuorlo…altrimenti si corre il rischio che le chiare non montino.. 

Montare le chiare a neve fermissima aggiungendo un cucchiaino di aceto bianco….
Le fruste elettriche sono indispensabili se si vuole fare in fretta…


Tenere da parte i rossi che verranno aggiunti uno alla volta…

Setacciare sulle chiare lo zucchero a velo….

Continuando a montare aggiungere un tuorlo per volta…

E la farina con uno spargifarina….

Versare il composto che deve risultare soffice in uno stampo, diametro 22 cm, ben imburrato ed infarinato..
Ed informare in forno statico preriscaldato alla temperatura di 170° per circa 25’/30’…

Il pan di Spagna, dorato al punto giusto, dovrebbe apparire come nella foto qui sotto…
Far intiepidire e sformare su un piatto da portata…
Se non viene utilizzato subito avvolgerlo in un foglio di pellicola trasparente e porlo in frigo fino al momento dell’uso ( io l’ho farcito il giorno dopo)….


La farcitura 

Prepariamo ora la crema chantilly.
In un pentolino mescolare i tuorli con lo zucchero…


Ottenuta una cremina omogenea aggiungere la farina…



E il latte caldo, filtrato,  aromatizzato o con la buccia di un limone o con la vanillina…



Porre ora su fuoco dolce e far addensare….



Far raffreddare la crema in un bagno maria di acqua freddissima e unire delicatamente la panna montata….
Mescolare con cura…


Frullare le fragole a pezzetti ( circa i 2/3 del totale, le altre serviranno per la decorazione) con due cucchiai di zucchero,,,



Tagliare il Pan di Spagna in tre strati usando un coltello ben affilato ( il mio non era un granchè e si vede)  a lama liscia  e farcire il primo con la chantilly e il secondo con il frullato di fragole..



Coprire con il terzo strato e decorate con la panna montata a cui viene aggiunto lo zucchero a velo la Pannafix…


Delle due torte ne è avanzato un po’ ..ma poca roba!!
Buon inizio di settimana a tutti!!!

… BABA’ CON CREMA CHANTILLY AL LIMONCELLO BIMBY …

INGREDIENTI
610 g di FARINA MANITOBA
8 UOVA 
95 g di ZUCCHERO
200 g di MARGARINA
8 g di LIEVITO DI BIRRA
1 PIZZICO DI SALE
per la crema chantilly al limoncello
4 TUORLI
130 g di ZUCCHERO
LA BUCCIA DI 1 LIMONE
80 g di FARINA
520 g di LATTE INTERO
150 ml di PANNA FRESCA
2 CUCCHIAI DI LIMONCELLO
per la bagna
1 lt DI ACQUA 
520 g di ZUCCHERO
500 g di LIMONCELLO
LA BUCCIA DI 1 LIMONE



Lo so ho postata già il babà …
ma siccome mi viene alla perfezione ve lo ripropongo ma nella versione bimby e al gusto limoncello , che per l’estate diciamo e più preferibile perchè e più fresco nel suo gusto del limone..
questi due bel vassoi e questo bel babbaone e stato il dolce di una cena di fine anno calcistico di mio figlio dove ci siamo ritrovati tutti con il gruppo del calcio per una cena di chiusura e di certo non poteva mancare qualcosa di fresco e sopratutto che potesse accontentare la gola di tutti ….
questa e una ricetta presa da delizi e pasticci che però ho modificato (tanto per cambiare) ^__^ , mi soddisfa alla grande e lo faccio spesso …
iniziamo:
nel boccale mettere le uova , lo zucchero , il lievito sbriciolato , e la margarina frullate per 20 secondi a velocità 4 ..
unire la farina e il sale mescolate per 1 minuto a velocità 4 e poi a velocità spiga per 2 minuti ..
lasciate lievitare nel boccale per almeno 2-3 ore , a me in 1 e 30 e lievitato cosi tanto da uscire dal boccale (guardate la foto qui sotto)…

sgonfiare l’impasto per 1 minuto a velocità 4 , (guardate la maglia di glutine che si e formata bella elastica) imburrare bene lo stampo da voi preferito io gli stampini per i babà mignon e lo stampo a corona grande per il babbaone   …

lasciate lievitare fino a 1 cm dal bordo dallo stampo , nel frattempo preparate lo sciroppo mettendo nel boccale lo zucchero l’acqua e la buccia del limone e cuocere per 12 minuti a 70° a velocità 1…
cuocere i babà a forno caldo a 180° per i babà mignon 15-20 minuti per il babà grande 40 minuti ..
lasciate raffreddare …


preparate la crema:
mettere nel boccale pulito e asciutto lo zucchero e la buccia del limone polverizzare a velocità turbo per 10 secondi , unire la farina il latte e i tuorli e cuocere a 80° a velocità 3 per 8 minuti , togliere dal boccale e versarla in una ciotola coprire con la pellicola facendola aderire alla crema e fate raffreddare completamente …
montare la panna a neve durissima , quando la crema e fredda unire il limoncello mescolare e unire la panna mescolare senza far smontare cosi abbiamo ottenuto la crema chantilly al limoncello…
(la mia crema non risulta ben soda in quanto non avevo fatto raffreddare completamente la crema 🙁 )
bagnare i babà mignon nello sciroppo tiepido inzuppandoli come se fosse una spugna lasciar sgocciolare bagnare anche il babà grande metterlo tutto nella ciotola dello sciroppo togliere e lasciar sgocciolare …
dividere a metà i babà e riempire con la crema chantilly al limoncello e metterli nei pirottini  , riempire al centro della corona del babà grande con la crema tagliare la buccia del limoncello a julienne che avete messo nello sciroppo e coprite sulla crema mettere dei mignon babà nella crema , lucidare i babà  con la gelatina di albicocca con un pennello , riscaldata appena con due cucchiai di limoncello e tenere in frigo almeno per 3 ore…

… PROVARE PER GUSTARE …
… LIA …