Subscribe via RSS

Torta rosa

Un’irresistibile torta ricca di vitamine  con mandorle e carote grattugiate.

Preparazione:
tritare le mandorle,  grattugiare le carote e unire il limone.
Mescolare e unire i tuorli, la fecola, lo zucchero e il lievito.
Montare gli albumi e mescolarli dolcemente al composto.
Imburrare e infarinare una teglia.
Versarvi il composto e infornare a 180° per circa 50 minuti.
Rifinire con mandorle, carote e zucchero a velo.

Gratin Carote Catalogna

In un menu leggero non possono mancare le verdure gratinate. Oggi Benedetta Parodi prepara una teglia con carote e catalogna. Ecco la ricetta per questo gratin.

Puntata I Menu di Benedetta: 27 gennaio 2012 (Menu Light)
Tempo preparazione e cottura: 20 min ca.

Ingredienti Gratin Carote Catalogna per 4 persone:

  • 2 spicchi d’aglio
  • olio
  • 1 scalogno
  • 500 gr di carote
  • 500 gr di catalogna
  • acqua qb
  • sale
  • 50 gr di parmigiano
  • 50 gr di pangrattato
  • timo qb
  • pepe

Procedimento ricetta Gratin Carote Catalogna di Benedetta Parodi

  1. Rosolare l’aglio con l’olio.
  2. Affettare lo scalogno e tagliare a bastoncini le carote.
  3. Appassire in padella la catalogna con l’aglio.
  4. In un’altra padella appassire le carote con lo scalogno e un goccio d’acqua.
  5. Salare catalogna e carote.
  6. A parte unire parmigiano pangrattato e timo
  7. Trasferire le verdure in una teglia, ricoprire con la panatura.
  8. Pepare, aggiungere un filo d’olio e gratinare in forno.

Video della Ricetta

– Disponibile tra poco

Sformato di carote

Penso sia meglio passare per tirchi…

Che buttare i soldi dalla finestra…
Ingvar Kamprad (1926)

Chi, dovendo arredare casa, non è andato a curiosare o ancor meglio acquistare negli sterminati punti vendita dell’IKEA???
Si parte di solito da una lista ben articolata di elementi d’arredo  o oggetti vari, bellissimi e spesso inutili,  e si arriva alle case con il carrello pieno di tutto e di più…in tempo per scoprire che la cifra da spendere è paurosamente lievitata…
  

Vale la pena di leggere l’autobiografia di Kamprad fondatore dell’IKEA leggendario per il suo genio imprenditoriale, per la sua avarizia.
Non ho idea di quanto la sua tirchiaggine sia stata pesante per i suoi famigliari e per coloro che gli sono stati vicini..


In letteratura possiamo  ricordare che  Dante  ha  relegato  gli avari nell’inferno ( Canto VII) e venendo a tempo più recenti chi non ha letto  Eugenie Grandet (Honorè de Balzac) vissuta sempre in un ambiente che dire austero è dir poco e Scrooge (racconti di Natale (Dikens)   tanto per citare alcuni esempi??


Non dico di diventare tirchi come Kamprad, ma visti i risultati raggiunti, una parsimoniosità, specialmente nel periodo che stiamo vivendo, può suggerire uno stile di vita da adottare anche in seguito quando, si spera, le cose  miglioreranno!!!


La ricetta che propongo oggi è economica, infatti le carote sono sempre a buon mercato e con poche e saporite aggiunte può diventare un piatto forte da servire senza tema di critiche da parte dei commensali..


Il colore poi è un inno all’allegria!!


Tempo di preparazione: 15′ minuti per le carote ( pentola a pressione) e 20′ per la l’assemblaggio degli ingredienti
Costo: basso 
Difficoltà:*


INGREDIENTI
450 gr di carote, peso netto
2 uova piccole
5 fette dio pan carré
50 gr di latte per l’ammollo delle fette 
1 confezione di Robiola Mauri
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1/2 cipolla
70 gr di farina auto lievitante
Sale e pepe q.b.


Per prima cosa raschiare le carote o usare il pelapatate, e porle a cuocere a vapore  nella pentola a pressione 15’/20′ dal sibilo..


Ora porre nel boccale del mixer le carote, la robiola e il parmigiano..
Frullare qualche secondo…

Unire le uova intere…

Le fette di pan carré ammollate nel latte e strizzate, il prezzemolo e la cipolla tritata grossolanamente…

Per ultima la farina autolievitante, azionando il robot fino ad ottenere un composto omogeneo e morbido.
Trasferire il tutto in uno stampo rettangolare in silicone..



Ora per la cottura ci sono due possibilità:
Cottura in forno preriscaldo e ventilato 170°/180° per circa 45′ come appare qui sotto…

Oppure si può trasferire il composto in una larga padella dal fondo anti aderente, rigirandola con l’aiuto di un coperchio quando la base è ben dorata e rappresa…
Io ho scelto la prima opzione in quanto avevo il forno in funzione…
Ed ora un saluto a tutti e buone vacanze per chi si appresta a raggiungere la mete delle agognate vacanze!!