Subscribe via RSS

Lonza Ripiena di Frutta Secca

Ecco un secondo piatto davvero pregevole cucinato oggi da Benedetta Parodi: squisita e anche bella da guardare, questa lonza ripiena di frutta secca è un’ottima idea adatta per questa stagione.

Puntata I Menu di Benedetta: 7 Febbraio 2012 (Menu da Incorniciare)
Tempo preparazione e cottura: 1 ora 20 min ca.

Ingredienti Lonza Ripiena di Frutta Secca per 4 persone:

  • 1 kg di lonza di maiale
  • 1/2 kg di frutta secca (fichi, albicocche, prugne)
  • 1 bicchiere di marsala secco
  • 1 manciata di pistacchi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di miele 
  • sale 
  • pepe
  • burro qb 
  • salvia e rosmarino qb

Procedimento ricetta Lonza Ripiena di Frutta Secca di Benedetta Parodi

  1. Tagliare la lonza creando una tasca, da allargare poi con le dita.
  2. Tagliare a metà i fichi secchi e metterli con gli altri frutti a macerare nel marsala.
  3. Aggiungere anche i pistacchi, poi scolare la frutta tenendo a parte il marsala.
  4. Riempire la lonza con questa farcia e cucirla per chiudere il buco, poi metterla in una teglia.
  5. Steccare la carne con l’aglio, poi salare e pepare la carne abbondantemente.
  6. Sciogliere il miele nel marsala.
  7. Distribuire dei pezzetti di burro sulla carne poi versare anche il marsala, salvia e rosmarino.
  8. Cuocere in forno 180 gradi per circa 50 minuti.
  9. Affettare e servire cospargendo con la salsa di cottura.

Gratin di patate ma….bicolore!!

Non perdoniamo mai coloro a cui abbiamo fatto dei torti…
Ken Follett (1949)


Qualcuno potrebbe affermare che in un blog di cucina non si dovrebbe parlare di politica, ma come non farlo quando accadono eventi catastrofici come quelli relativi al nubifragio di Genova causati dal nulla che è stato fatto dopo l’ultima alluvione nulla sarà fatto in seguito…
Un mio parente, giusto quella mattina, tornando a casa, in autostrada, se solo avesse imboccato un’uscita diversa forse non si sarebbe salvato…..
Come non parlarne quando noi tutte prima di accingerci a fare la spesa scorriamo avidamente i volantini pubblicitari dei vari supermercati alla ricerca di offerte speciali e scegliamo solo quelle….
Come non parlarne quando le fabbriche chiudono e ci si ritrova dalla sera alla mattina  senza lavoro o in cassa integrazione o , ancora nel  migliore dei casi, viene prospettata la mobilità….
Come non parlarne quando vediamo i politici che ci riempono di parole e nulla fanno salvo salvare i loro preziosi cadreghini e il loro prezioso lato B….
Come non parlarne quando si dovrebbe lavorare fino a quando non  si tirano le cuoia mentre i giovani non hanno prospettive per il loro futuro  ( quante di noi hanno in casa dei figli che non riescono a trovare lavoro?)..  
Ne abbiamo le tasche piene di parole del tipo:
” Dobbiamo tener fede ai nostri impegni senza se e senza ma”…
“La maggioranza è forte e coesa” e potrei continuare… 
Ed ora dopo questo pistolotto passo alla ricetta…economica tanto per restare in tema di risparmio….
Tempo di preparazione: circa 40′
Costo: medio
Difficoltà:*
INGREDIENTI

500 gr di erbette o biete da taglio, peso lordo
900 gr di patate, peso netto
3 uova
1 pizzico di noce moscata
4-5 cucchiai di parmigiano grattugiato
3- 4 cucchiai di olio extra vergine Frantoio Valle Argentata
1spicchio d’aglio
150 g di mortadella tagliata in un’unica fetta
150 gr di fontal o altro formaggio a pasta morbida
qualche cucchiaio di pangrattato
poco burro

Lessare le erbette o biete da taglio ( volendo possono essere sostituite da spinaci)…
Scolarle per bene e tritarle a mano con la mezzaluna…
Farle saltare in padella con poco olio e uno spicchio d’aglio tritato fine….
Sbucciare le patate, tagliarle a tocchetti e cuocerle a vapore nella pentola a pressione per circa 10’/15′ e ridurle in purea con lo schiaccia patate facendola ricadere direttamente  in una capace scodella
Aggiungere le uova, il parmigiano e una grattatina di  noce moscata…
Mescolare con cura e suddividere il composto in due parti….
In una tortiera base 24 cm, imburrata e cosparsa di pan grattato, versare la prima parte e livellarla con cura…..
Mescolare la seconda parte con le biete passate in padella precedentemente..
Anche qui mescolare con cura…
Ridurre in dadolata la mortadella…
E spargerla , insieme al formaggio sulla base bianca …..
Ricoprire con la seconda parte ..
Livellare con cura e per creare un piccolo motivo decorativo passare tutt’intorno in modo circolare una forchetta come appare in foto..
Cospargere di pangrattato e formaggio grattugiato e qualche fiocchetto di burro e infornare in forno preriscaldato , ventilato alla temperatura di 180° per circa 30’…

Quando il gratin sarà bello dorato ( in fin dei conti deve solo fondere il formaggio) il gratin è pronto per essere portato in tavola ma..far raffreddare un po’ prima di servirlo..
A tutte le amiche e a coloro che passano di qui auguro una buona e bella giornata…

E bella, atmosfericamente parlando…almeno qui,  lo sarà di sicuro!!!!!

Ricerche frequenti: