Subscribe via RSS

Bruschette al battuto di lardo ricetta Benedetta Parodi per Molto Bene su Real Time

Se volete preparare, con l’avvicinarsi dell’estate, un antipasto semplice e veloce in grado di soddisfare in pieno i vostri invitati, non perdete la ricetta che ci ha proposto la nostra amica Benedetta Parodi nella puntata di Martedì 6 Maggio della sua nuova trasmissione di cucina dal titolo Molto Bene in onda su Real Time. Si tratta di una bruschetta semplice e veloce da preparare con un trito di lardo disposto sopra alla bruschetta per esaltarne profumo e sapore.

Foto tratte dalla video ricetta della trasmissione Molto Bene su Real Time

Ma ecco la lista degli ingredienti e il procedimento utilizzato dalla nostra Benedetta per cucinare questo buonissimo piatto dal titolo “Bruschette al battuto di lardo” nella sua rubrica quotidiana di cucina dal titolo Molto Bene in onda su Real Time.

Tempo preparazione e cottura: 10 min

Ingredienti Bruschette al battuto di lardo per 4 persone
  • 2 fette di pane tipo Altamura
  • 100 g di lardo di colonnata
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 5 foglie di salvia
  • Peperoncino
  • ½ spicchio di aglio

Per l’insalata

  • Lattuga
  • Rucola
  • Pomodorini
  • Bacon a fette
  • 1 uovo
  • Aceto qb
  • Olio
  • Sale
  • Pepe

Procedimento per cucinare la ricetta Bruschette al battuto di lardo di Benedetta Parodi

Tostate le fette di pane e il bacon sulla griglia. Frullate il lardo con il prezzemolo, la salvia, l’aglio e un pizzico di peperoncino. Tagliate le bruschette di pane a metà e spalmatele con il lardo frullato.

Per l’insalata: Mettete in una insalatiera la lattuga, la rucola, i pomodorini tagliati a metà e il bacon croccante a striscioline.

Preparate ora l’uovo in camicia: aggiungete un po’ di aceto in una pentola d’acqua bollente, quindi rompete l’uovo in una ciotolina e poi versatelo nell’acqua mescolando con una forchetta, in modo da creare il vortice.

Unite l’uovo all’insalata e servite insieme alle bruschette.

Non ci resta che augurarvi….buon appetito!

torta salata alle cipolle di tropea

Le prime giornate belle, portano idee golose per gli aperitivi o per gli spuntini veloci: oggi nel blog trovate la ricetta della torta salata alle cipolle di tropea, un’idea saporita per consumare una delle mie verdure preferite.

Ormai la cucina nella Casa del Vento funziona a pieno ritmo, il tempo è sempre poco e cucino quando riesco a ritagliarmi dei momenti, succede anche a voi o solo io non ho più tempo per fare nulla?

Intanto tuffiamoci nelle cipolle mentre meditiamo sulla vita, leggendo  tra gli anelli violacei di questa torta salata, insto vi lascio l’ode alla cipolla 🙂

“Cipolla luminosa ampolla, petalo su petalo s’è formata la tua bellezza squame di cristallo t’hanno accresciuta e nel segreto della terra buia s’è arrotondato il tuo ventre di rugiada. ” P.Neruda

{ Ingredienti per una torta salata }

2 cipolle rosse di tropea • 200 gr di robiola fresca • un uovo • 3 cucchiai di parmigiano reggiano • un rotolo di pasta sfoglia salata rettangolare • un rametto di timo • sale e pepe q.b.

In una ciotola mescolare l’uovo con la robiola e creare una crema morbida e omogenea, sarà abbastanza liquida.

Aggiungere il timo e due cucchiai di parmigiano grattugiato.

Sistemare la crema nella pasta sfoglia  sistemata nella teglia tagliando i bordi in eccesso e sistemare le cipolle precedentemente spellate e tagliate a fette settili circa 3/4 mm.

Infornare a 180° C per 40 minuti salando e pepando le cipolle in superficie.

Gli ultimi 5 minuti, spolverare con grana.

0.000000
0.000000


Crostatina al cioccolato amaro con pesche e crema alla nocciola

Ammettiamo che tutti conosciate l’abbinamento cioccolato-pesca.
Se conosco almeno un pochino i vostri gusti sono sicura che farà per voi, se ancora non avete avuto il piacere.
Ora, ognuno di voi saprà anche che, una volta che ha il croccante e il fresco/acido ma cosa mai potrà aggiungere per completare il famoso… (e ormai secondo me da tanti temuto, perché un poco ce le hanno lessate)… gioco di consistenze?? Ma il cremoso suvvia! 
No no a parte gli scherzi, io sta cosa delle consistenze devo ammettere l’apprezzo, e tanto; in fondo non è la prima cosa che facciamo prima di sentire qualsiasi sapore? Addentiamo l’incriminato e ci piace sentire il morbido, il cremoso e il croccante insieme, ma dai, è un vero e proprio idillio! E funziona! cavolo se funziona! completa il boccone lo rende perfetto e l’intrecciarsi di gusti e sapori ne fa davvero la vostra piccola creazione (e gioia) quotidiana.
Insomma io ormai mi ci impegno devo dirvelo…e mi sembra inutile dirvi che ovviamente sì, c’è qualcuno che tra le mura domestiche sorride per questo vezzo che sa tanto di chef d’alta cucina..per me fa semplicemente buon gusto. Buon gusto a tavola, buon gusto nel volersi bene e nell’andare sempre alla ricerca di “qualcosa” che diventi infine la tua vera forma di felicità.
La crostatina di oggi ha davvero dell’ultraterreno. E la mia mano, c’entra ben poco in tutto ciò.
La ricetta della frolla al cioccolato è questa ma per il resto, caramellare delle fette di pesca non è che poi faccia tanta scuola.
E’ la crema alla nocciola la vera scoperta! Ve ne parlai in occasione del Taste di Firenze 2012, quando, dopo una 2 giorni di fotografia sfrenata, tornai a casa con bottini gastronomici da mille e una notte.
Se posso permettermi, andate a fare un giro sul loro sito, (Scyavuru.com) ricco di prelibatezze per gli occhi e per il palato! 
Hai visto mai…..piuttosto per chi di voi l’avesse perso..questo è il video che ho realizzato sull’evento..http://www.youtube.com/watch?v=-dB-5gMNi1Q
Baci a tutti !