Subscribe via RSS

Un plaisir sucré per eccellenza, la tarte au chocolat di Pierre Hermé

…con rivisitazione. Già perché una torta di compleanno senza panna, che torta è?
Beh certo, per me proprio non è fondamentale ma ho preferito metterla, ed è andata a ruba.
Finita. Ancora prima che riuscissi a fare una foto per farvi vedere come si proponeva all’interno.
Questa versione forse può aiutarvi a capire cosa si sarebbe celato sotto quel soffice manto di panna montata.
Le dosi però non sono le stesse, insomma cambia qualcosina.
Per la base:
300 g di buon burro
60 g di farina di mandorle
120 g di zucchero a velo
2 g di fleur de sel
1/3 di bacca di vaniglia (polpa)
2 uova
500 g di farina
Lavorate il burro con la spatola sino a renderlo cremoso, aggiungete lo zucchero e la farina di mandorle, il sale e la vaniglia.
Unite le uova intere e infine la farina.
Lavorate la pasta sino a formare una palla d’impasto. Appiattite l’impasto nella carta da forno e fate un pacchetto.
Mettete in frigorifero a riposare una notte.
Stendete la pasta allo spessore di 4mm e adagiatela su una teglia precedentemente imburrata dal diametro di 22 cm.
Preriscaldate il forno a 180°C.
Bucherellate il fondo della pasta.
Ritagliate un pezzo di carta stagnola dello stesso diametro e posatela sulla pasta.
Ricoprite con dei legumi secchi e infornate per 25 minuti.
Trascorsi questo tempo sfornate, eliminate i legumi, quindi la carta.
Se la base dovesse essere ancora cruda, proseguite la cottura per altri 5 minuti, altrimenti mettete su una gratella a raffreddare.
Per la ganache:
150 g di cioccolato fondente al 66% di cacao
1 uovo intero
2 tuorli
30 g di zucchero semolato
100 g di buon burro (io ho usato il Lurpak non salato sia per la base che per la ganache)
Dopo che la base della torta si sarà ben raffreddata, riaccendete il forno portandolo alla temperatura di 180°C.
Fate fondere il burro.
Tritate finemente il cioccolato e fatelo sciogliere a bagno maria.
Quando questo sarà ben sciolto unite l’uovo intero e i tuorli uno alla volta.
Unite lo zucchero e il burro fuso.
Versate il composto sul fondo della base di frolla. Infornate e fate cuocere per 10 minuti.
La tarte va servita calda, io per esigenze di decorazione (ho aggiunto la panna) ho fatto raffreddare la tarte in frigorifero, quindi decorato con panna montata e lamponi.

Tagliolini gratinati al prosciutto (ricetta dell’Harry’s Bar)

Un piatto, un ricordo.
Io all’Harry’s Bar ahimè non ci sono mai stata, ma ho avuto la fortuna di conoscere chi , quell’ambiente, lo conosce bene.
Un bellissimo incontro all’edizione di quest’anno del Pitti Taste, tra sorsi di Bellini e racconti sulle origini del Carpaccio..
Vi avevo già proposto altre ricette preparate con la pasta Cipriani.
Ma questa, ragazzi, è il top dei top.
Insomma ho pranzato un pezzetto di Harry’s Bar oggi, d’altra parte, quale modo migliore per festeggiare il mio ultimo pranzo da ventinovenne?
Questo piatto è una coproduzione italo-francese, pasta, prosciutto e formaggio sono italiani, salsa e metodo di cottura, francesi.
E’diventato un classico dell’Harry’s Bar perché molto gradito.
E ci aggiungerei, delizioso.
Se avete la fortuna di trovare la pasta Cipriani provatela al volo…e…tanti auguri a me! 
Dal libro
 “Il mio Harry’s Bar” di Arrigo Cipriani, 
www.ciprianifood.com
Ingredienti e dosi per 5 persone
250 g di Tagliolini o Tagliarelle Cipriani
45 g di burro
60 g di prosciutto tagliato a julienne
65 g di Parmigiano grattugiato fresco, più quello da servire in tavola
140 ml di salsa besciamella (1/2 litro di latte intero fresco, 25 g di burro, 50 g di farina, 1 pizzico di sale, noce moscata q.b.)
sale

Preparate  la salsa besciamella.
Fate un roux (che dovrà rimanere chiaro) con burro fuso e farina, a fiamma molto bassa cominciate ad incorporare il latte a filo mescolando continuamente sino a che non otterrete una bella consistenza densa ma allo stesso tempo cremosa.
Infine salate e correggete con al noce moscata.
Potete ovviamente rendere la salsa più densa o più liquida a seconda del vostro gusto, e soprattutto, a seconda della destinazione d’uso. (aggiungerete più latte se la desiderate più liquida, meno latte, o un poco di farina in più se la volete più densa).
In questo caso ai noi serve una salsa lenta.
Fate scaldare il grill, mettete a bollire almeno 3 litri d’acqua in una grande pentola e versatevi un cucchiaio di sale.
In una grande padella fate sciogliere con fiamma alte 15 g di burro e aggiungetevi il prosciutto.
Fate cuocere per 1,2 minuti mescolando.
Cuocere la pasta nell’acqua bollente per 2 minuti.
Scolatela al dente e versatela nella padella, unitela al prosciutto e unite altri 15 g di burro, e cospargete di parmigiano dando una buona mescolata.
Stendete i tagliolini in maniera uniforme in una teglia da forno, versatevi sopra la salsa ben morbida e cospargete con altro parmigiano.
Tagliate il burro rimasto in fiocchetti e spargeteli sopra.
Mettete sotto il grill, il più vicino possibile alla fonte di calore e fate cuocere sinché i tagliolini non saranno ben dorati  e la salsa non avrà fatto delle piccole bolle in superficie.
Servite immediatamente, facendo passare, in tavola, una ciotolina di Parmigiano grattugiato.

Il benvenuto all’autunno, con un biscotto.

Per me non può esserci ricetta migliore di un biscotto per salutare l’arrivo dell’autunno.
E allora che c’è di meglio di un biscotto se non un biscotto a forma di foglia per celebrare l’arrivo della stagione autunnale?
La ricetta, ammetto davvero deliziosa, è presa in prestito dal blog di Edda , Un déjeuner de soleil.
Le avevo detto che l’avrei provata, appena vista, non ho saputo resistere alla tentazione di farne fagotto per il tè del pomeriggio, o per la colazione..
Un biscotto davvero eccezionale, friabilissimo con un profumo di spezie divino.
Vi riporto la sua ricetta, passo passo, è semplice veloce e..se volete un consiglio, non dimezzate le dosi ! 😉

320 g di farina 00
60 g di farina di farro
40 g di farina integrale
220 g di burro (io ho usato il Lurpak)
210 g di zucchero di canna tipo Cassonade (l’ho passato velocemente al mixer per affinarlo)
1 uovo intero (50 g)
1 cucchiaino da caffè pieno di bicarbonato di sodio o lievito chimico
un pizzico di fior di sale
1 cucchiaino da caffè di miscuglio di spezie per pan di spezie oppure altro: cannella, anice stellato, chiodi di garofano, coriandolo, anice…
1 cucchiaino di cannella in polvere

Mescolate le farine setacciate con il bicarbonato e le spezie. 
Mescolate lo zucchero con il burro finché non diventa una crema. 
Aggiungete il sale poi incoporare l’uovo. Infine aggiungete il miscuglio di farina setacciato. 
Lavorate rapidamente finché non si forma un impasto omogeneo. 
Formate una palla, schiacciatela e coprite con carta pellicola. 
Conservate in frigo almeno 8 ore (la pasta si riposa, sarà meno elastica ed i profumi si sprigioneranno) fino a 24 ore.
Scaldate il forno a 170°C. 
Stendete l’impasto su un piano infarinato a 4 mm di spessore. 
Tagliate dei biscotti con un coppapasta. 
Adagiateli su una placca leggermente imburrata(pulite sempre l’eccesso con la carta assorbente) e cuocete per une decina di minuti. 
Dovranno dorare (a fine cottura saranno ancora leggermente morbidi, s’induriranno raffreddandosi).
Lasciate raffreddare su una gratella per dolci. 
Si conservano bene un paio di giorni in una scatola di latta.