Subscribe via RSS

Crocchette di riso

Ogni società ha i tipi di criminale che si merita..
Robert F. Kennedy (1925-1968)


Ogni tanto le preparo e in un batter d’occhio spariscono…
Si può usare del risotto avanzato o lessato appositamente…
Sono sempre buone.
Sono economiche .
Si possono proporre come antipasto, in brunch come finger food.
A dire il vero non saprei come catalogare questa ricetta..
Ma alle amiche rimane la decisione circa la catalogazione della ricetta..
Si possono friggere in padella o con la friggitrice così l’odore di fritto non rimane nell’aria per tre giorni.
Volendo si possono anche fare al forno ma con il caldo di questi giorni forse è meglio evitare..
Cosa si vuole di più?


Tempo di preparazione: circa 30′
Costo: Basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI

200 GR DI RISO LESSATO O RISOTTO AVANZATO
80 GR DI PARMIGIANO REGGIANO DALTER
1 SPICCHIO D’AGLIO
PREZZEMOLO
SALE E PEPE 
2 UOVA
OLIO DI SEMI PER FRIGGERE

Allego alla ricetta le foto del Parmigiano Reggiano inviatomi oggetto della mia collaborazione con la ditta Dalter che punta sui prodotti confezionati Campirossi  adatti a tutta la famiglia e studiati anche per i single.


Campirossi sintetizza la storia di tanti prodotti e successi ottenuti da Dalter Alimentari nel confezionamento dei formaggi grattugiati e porzionati freschi verso packaging sempre più innovativi, che permettano di conservare il formaggio, fresco come appena grattugiato, per alcune settimane. L’obiettivo del brand Campirossi è quello di portare direttamente sulle tavole un elemento base dell’alimentazione mediterranea con una qualità simile in tutto e per tutto a quella del formaggio appena preparato, ma con maggiore praticità. Nascono così nel corso degli anni comode confezioni, disponibili in formati maneggevoli e grammature ridotte adatte per il consumo domestico.
L
Lessare al dente il riso ( io ho usato quello per risotti)…
Passarlo sotto l’acqua fredda per fermare la cottura e farlo scolare per bene.
Porre quindi il riso in una scodella, regolare di sale ( moderatamente in quanto lo si è già salato durante la cottura e il parmigiano che viene aggiunto è già saporito)..
Aggiungere il pepe, se gradito, macinato al momento, le uova, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo tritato e l’aglio ridotto in purea con lo spremiaglio..
Formare con due cucchiai delle quenelles ..
A questo proposito suggerisco, prima di formare le quenelles, di passare i cucchiai nell’olio bollente per facilitare la “deposizione ” nella padella …

Consiglio anche di lasciare rapprende le crocchette prima di rigirarle…
Si possono sfaldare se rigirate troppo presto!!

Man mano che sono pronte levarle dalla padella con una schiumarola e sistemarle a strati ( separati da carta da forno) in un piatto…


A tutti auguro un’ottima giornata!!!

La Nocciola in tavola a Villa d’Amelia

Avete presente quando qualcosa vi piace tanto, anzi, tantissimo che siete quasi fissate?? Immaginatevi quando ho scoperto che c'era una due giorni, a pochi chilometri da casa mia, con grandi chef da tutta Italia chiamati a reinterpretarla e esaltarla, immaginatevi il piacere di essere invitati a questo evento che per me non è stato speciale…di più!!

Lo avrete già capito dal titolo che sto parlando della nocciola, ma non una qualsiasi, ma quella delle Langhe, la "Tonda e Gentile", che cresce nelle zone e che è universalmente riconosciuta come la più buona del mondo {tartufi e nocciole…mi spiace ma per queste due cose…non abbiamo uguali!! :) senza dimenticare il vino ovviamente }
La location era Villa d'Amelia a Benevello, uno dei primi paesi dell'Alta Langa: albergo, spa e ristorante stellato, mica male no?? Ho avuto il piacere di vedere Damiano Nigro e il suo staff al lavoro durante l'#albacamp, ma per me è sempre un piacere rivederlo all'opera. Rimango sempre stupita dalle mani sapienti di tutti gli chef che si sono susseguiti in questi nei due giorni, i movimenti sicuri, precisi e rapidi nonostante abbiano tantissime persone che li fotografano e li ricoprono di domande intorno a loro.

Continua a leggere…»

Cuccìa

Un dolce tipico della Sicilia, che va servito freddo dopo la messa di Santa Lucia. Un dessert morbido perché è una crema di di grano cotto insaporita con ricotta, canditi e cioccolato, che se servita in bicchierini leggermente sporcati di cioccolato si presentano molto bene. Ecco la ricetta Cuccìa di Benedetta Parodi.

Puntata I Menu di Benedetta: 13 Dicembre 2011 (Menu di Santa Lucia)
Tempo preparazione e cottura:  35 min ca. + 1h ca per raffreddare

Ingredienti Cuccìa per 4 persone:

  • cioccolato fondente qb
  •  400 gr di grano precotto
  •  acqua qb
  •  250 gr di ricotta vaccina
  •  3-4 cucchiai di zucchero
  •  70 gr di frutta candita
  •  gocce di cioccolato qb

Procedimento ricetta Cuccìa di Benedetta Parodi

  1. Sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino.
  2. Riscaldare il grano cotto in un altro pentolino con un pò di acqua e poi aggiungere la ricotta e lo zucchero.
  3. Sporcare i bordi dei bicchierini con il cioccolato fuso e lasciarli raffreddare.
  4. Lasciare raffreddare anche il grano in una ciotolina.
  5. Aggiungere al grano i canditi e le gocce di cioccolato.
  6. Versare la crema nei bicchierini, completare con una ciliegina candita e un pò di zucchero a velo.
  7. Lasciare raffreddare prima di servire.

Video della Ricetta